Dormire bene dipende da un gran numero di fattori – tra i quali possono essere annoverati comfort, livello di stress e temperatura della stanza – ma per prima cosa è importante iniziare dalle basi e il vostro materasso è il primo elemento per un sonno riposante. Se siete pronti per cambiare il vecchio materasso, leggendo questa guida saprete quale prodotto scegliere in base alle vostre necessità fisiologiche.

Come scegliere?

Se volete acquistarne uno nuovo e, di recente, siete stati in un negozio dedicato, saprete che è possibile scegliere tra una vastissima gamma di modelli.

Come fare quindi per scegliere il materasso adatto a voi? Come prima cosa considerate che esso deve sostenere il vostro corpo nella posizione più neutra possibile, quella in cui, in breve, la colonna vertebrale assume la curvatura naturale e le parti del corpo sulle quali grava la maggiore pressione (come natiche, caviglie, spalle e testa) sono supportate in un allineamento corretto. Scordate quindi il vecchio detto “più è rigido, più è meglio”, se il materasso è eccessivamente rigido, solleciterà troppo questi punti di pressione e farà sì che il vostro corpo assuma una posizione non corretta. Altrettanto, e al contrario però, se troppo morbido i punti di pressione del vostro corpo non riceveranno il supporto più adeguato. Ricordate quindi queste due semplici regole, perché il verificarsi di uno di questi scenari farà sì che vi svegliate stanchi. Per questo motivo è bene scegliere un materasso ergonomico, che sarà in grado di adattarsi alle curve del vostro corpo.

È tempo per un nuovo materasso?

I prodotti di oggi (se di qualità) sono fatti per durare una vita ma, probabilmente, non dovrete conservare il vostro per tanto tempo. I nostri corpi cambiano nel tempo, per cui il materasso sul quale una volta dormivate comodamente può non offrire più lo stesso comfort nel corso degli anni. Inoltre essi raccolgono acari della polvere, funghi e altri germi che possono aggravare allergie avendo quindi così un impatto negativo sul vostro sonno. Dopo 10 o 15 anni, pertanto, è il momento di pensare a comprarne uno nuovo.
Come fare quindi a sapere se è giunto il momento di sostituirlo?
Se vi svegliate la mattina con un po’ di mal di schiena, che generalmente passa in 15 – 30 minuti, significa che dormite su un materasso non appropriato per voi. Quello giusto, infatti, è quello sul quale non si sente alcuna pressione, quasi come se steste galleggiando in aria. Gli esperti suggeriscono di provarlo in negozio, sdraiandosi su ogni prodotto almeno 10 o 15 minuti nella posizione in cui normalmente dormite. Inoltre, ricordatevi di portare il vostro cuscino! Quanto più riuscirete a simulare il modo nel quale dormirete una volta arrivato a casa, maggiori saranno le vostre probabilità di scegliere quello giusto.

Molle, Memory o Lattice? Quale modello scegliere?

- Materassi a molle -

I modelli a molle sono ancora di gran lunga i più utilizzati, anche grazie all’opinione generale dei consumatori. Sostengono il peso del corpo tramite molle elicoidali e, nella maggior parte dei modelli moderni, ogni molla è indipendente dalle altre. Questo aiuta il letto a sopportare anni di usura e impedisce che le molle saltino fuori dal materasso. Nella parte superiore, le molle possono essere dotate di una grande varietà di materiali aggiuntivi per assicurare un maggiore comfort, come lattice o memory foam, a seconda delle vostre preferenze. I venditori potrebbero cercare di trasmettere l’idea che più molle significhi maggiore comodità, ma questo non è necessariamente vero. Infatti, non c’è alcun bisogno che il numero di molle superi 400/450 (per quello singolo) o 800/900 (per quello matrimoniale), l’importante è che siano di qualità. Oltre questo numero, la differenza di sensazione è così piccola che è difficile da notare per la maggiora parte delle persone.

Vantaggi: I diversi modelli variano in base alla rigidità ed al prezzo, per soddisfare quasi tutti i gusti e i tipi di budget. E’ anche possibile scegliere un coprimaterasso in memory foam.

Svantaggi: Evitate i modelli troppo economici! Se il materasso non è di buona qualità, non è provvisto di un numero sufficiente di molle e non ha un rivestimento in grado di offrire un supporto adeguato, è probabile che vi sveglierete con il mal di schiena e che nel tempo si affossi.

A chi sono utili: Le varianti più rigide sono la miglior scelta per chi soffre di lombalgia, e per le persone in forte sovrappeso, questi modelli possono offrire un supporto più adatto rendendo più semplice sdraiarsi e rialzarsi. Tuttavia, grazie alle innumerevoli possibilità di personalizzazione, questo materasso è in generale comodo per chiunque e la miglior scelta qualità/prezzo.

- Materassi in memory foam -

La popolarità dei modelli in memory foam è in continua ascesa grazie alle opinioni dei consumatori. Essi sono realizzati con strati di schiuma di diverse densità che rispondono al peso ed alla temperatura e sono noti per la loro comodità perché si adattano in maniera quasi perfetta alla forma del corpo.

Vantaggi: adattandosi alla forma del vostro corpo, mentre il peso si sposta durante la notte, il memory foam riduce i punti di pressione alleviando il dolore. I materassi in memory foam attutiscono anche i movimenti, perciò se si dorme con un partner, non verrete disturbati dal suo girarsi e rigirarsi.

Svantaggi: uno dei maggiori svantaggi dei materassi in memory foam è che, dal momento che sono sensibili alla temperatura, si ammorbidiscono con il calore del corpo e possono far sentire molto caldo durante la notte.

A chi sono utili: se avete difficoltà a dormire comodamente, soffrite di stanchezza cronica o qualche tipo di dolore muscolare, un materasso in memory foam è il più adatto a voi, a condizione che non soffriate troppo il caldo.

- Materassi in lattice -

I modelli in lattice possono essere realizzati in gomma naturale o sintetica, e sono noti per fornire un supporto stabile ed uniforme su tutta la sua superficie.

Vantaggi: Gli esperti pensano che il lattice sia uno dei materiali migliori in assoluto per la realizzazione di materassi offrendo un grande supporto. Anche se simile al supporto offerto dal memory foam, a differenza di quest’ultimo, il lattice esercita una spinta contraria a quella del corpo superiore, fornendo così un maggiore supporto.

Svantaggi: se non vi piace un modello rigido, o uno che richiede in po’ di “manutenzione” extra, il lattice probabilmente non è la scelta giusta per voi.

A chi sono utili: un materasso in lattice è ottimo per alleviare il mal di schiena, perché offre la migliore combinazione di comfort e sostegno.